09/08/07

Non so accarezzare il gatto

Come da titolo.

Niente, è che dopo un po' che lo accarezzo penso che si stia stufando e voglia essere grattato in altro modo (almeno, io faccio così).

Ora, di varianti per grattare il gatto ce ne sono ben poche (scegliere se accarezzare o grattare, decidere dove svolgere l'operazione: testa, mento, orecchio dx, orecchio sx, collo, schiena, pancia) e si esauriscono in fretta, variando di frequente.

Secondo me il gatto quando ripropongo una variante già utilizzata mi sgama e ci resta male (almeno, io ci resterei male).

Quindi per evitare di deluderlo smetto di grattarlo mediamente dopo minuti 10, e mai più di una volta al giorno (si sa che i gatti non hanno una gran memoria per 'ste cose).

No, in realtà il gatto se ne fotte di 'sti sofismi, sono seghe mentali mie. Sono io che mi stufo in fretta se non riesco a variare e a far aumentare il suo ronfaggio. Tutto ciò è sintomatico e accade regolarmente in ogni ambito della mia vita: se non ho nuovi stimoli, perdo interesse.

Ringrazio Pastafarian (it.wikipedia.org/wiki/Pastafarianesimo) di avere un angelo al fianco che i nuovi stimoli non me li fa mancare mai.

1 commento: