08/01/08

Duo-post

Approfittando degli auguri di buon anno del mitico SMN (che ricambio!), rivelo la prima località delle mie vacanze: Roma, splendida città in cui ho passato un capodanno infernale per colpa di qualche pseudo-pariolino arrogante ed egocentrico. Ma vabbé.
I miei amici (oddio, conoscenti) romani adesso si chiederanno: ma perché minchia non me l'hai detto che eri a Roma che magari si poteva organizzare qualcosa.
Seee, risponderò io, sta cippa! Non vi ho detto che ero a Roma per evitare a entrambe le parti l'imbarazzo di creare scuse dell'ultimo minuto per non venire all'appuntamento. Non usate facili dietrologie.
In realtà un po' mi spiace, ma prometto che alla prossima occasione sarò più solerte.

Poi.

Approfitto di questo post dell'Ala (Mellino è il nome perfetto per un ipotetico figlio non voluto) per confermargli che le poppe non hanno nome, e per spiegargliene i motivi:

1) le poppe sono due, e pertanto sono facili da nominare (poppa destra e poppa sinistra), al contrario delle dita dei piedi (quarto dito del piede partendo da destra), che necessitano quindi di nomi proprio, meglio se buffi (oltre al già citato mellino, l'Ala ci ricorda del melluce, del trillice e del pondulo).
2), e questo è il motivo principale, dev'essere il maschio a nominare di volta in volta le poppe della sua ragazza. È un fatto di possessione, un modo di legare a sé una donna. Per esempio:
Supponiamo che io chiami le poppe della mia ragazza Eustachia e, rispettivamente, Giunona.
Supponiamo che la mia donna, fuorviata dalla decadenza dei costumi, mi tradisca col primo che passa.
Bene, durante il coito l'amante sicuramente toccherà le poppe della mia ragazza, ed ella sarà giocoforza portata a pensare "Toh, questo sconosciuto che per quanto ne so potrebbe essere un barbone mi sta accarezzando  Eustachia in modo piacevole seppure rude e ansioso".
Il solo pronunciare il nome della poppa porterà la mia ragazza a pensarmi, e le aumenterà il senso di colpa. Pensa ai vantaggi: nel caso i due siano ancora ai preliminari, le chances che lei rinunci aumentano. Se invece sono già in copula, e fermarsi non sta bene, finita la cosa lei compenserà il tradimento con pompini extra al sottoscritto.
Contenti tutti, quindi.
Questo credo sia il vero motivo per cui le poppe non hanno nome. Inoltre gli scienziati, negli scorsi secoli specie maschia per antonomasia, le hanno lasciate senza nome proprio per questo motivo; per un atavico istinto di conservazione (della propria fidanzata).

Se gli scienziati fossero stati in maggioranza donne allora sì che la solfa sarebbe cambiata.

Ps: Sto citando il post dell'Ala solo perché il suo stupido blog mi chiede una sorta di registrazione per commentare la sua opera. Io i miei estremi li dò solo a bionde maggiorate, quindi a nessuno, (Ala non è bionda maggiorata [non ancora, almeno]), indi per cui gli rispondo qui.

Da qualche parte volevo andare a parare, ma non importa.

13 commenti:

  1. Partiamo dal fondo:
    1. Odio il mio blog, e odio il fatto che richieda di registrarsi, cosa questa che intimidisce i miei già scarsi 25 lettori. Ma non ho tempo di trasferirmi, quindi lo terrò così fino a nuovo ordine.

    2. Ma le donne pensano a tutte queste cose durante la copula, e soprattutto in maniera così formale? Sono delle bieche calcolatrici, l'ho sempre sospettato.

    3. Bellissimo ed esauriente post, che mi fa capire come i mali non vengano mai da soli, e un plauso va all'innovativa idea del pubblicare i commenti a un post in un altro post su un altro blog. L'ignaro utente medio ne rimarrà basito, ma chisseneimporta?

    RispondiElimina
  2. Partiamo dal fondo:
    1. Odio il mio blog, e odio il fatto che richieda di registrarsi, cosa questa che intimidisce i miei già scarsi 25 lettori. Ma non ho tempo di trasferirmi, quindi lo terrò così fino a nuovo ordine.

    2. Ma le donne pensano a tutte queste cose durante la copula, e soprattutto in maniera così formale? Sono delle bieche calcolatrici, l'ho sempre sospettato.

    3. Bellissimo ed esauriente post, che mi fa capire come i mali non vengano mai da soli, e un plauso va all'innovativa idea del pubblicare i commenti a un post in un altro post su un altro blog. L'ignaro utente medio ne rimarrà basito, ma chisseneimporta?

    RispondiElimina
  3. 1) Uff. L'ultima volta che ho cercato di commentare il mio commento dopo l'invio è sparito. Mi piace pensare che sia apparso su un blog a caso e che il proprietario di questo blog ancora si stia chiedendo cosa è successo.

    2) Beh, di solito le bocce si arriva a toccarle prima della copula, altrimenti credo che tu stia sbagliando qualcosa. È un tentativo di deterrentizzazione (che è una parola orribile, non mi stupisco che non esista).

    3) La pensiamo allo stesso modo. Infatti il post seguente è metablogghistico.^^

    RispondiElimina
  4. utente anonimo9/1/08 10:46

    2) ECCO dove sbagliavo!

    PS: Dimenticavo, bionda maggiorata lo sono già, sei tu che non mi guardi con gli occhiali dell'amore.

    RispondiElimina
  5. utente anonimo9/1/08 10:46

    2) ECCO dove sbagliavo!

    PS: Dimenticavo, bionda maggiorata lo sono già, sei tu che non mi guardi con gli occhiali dell'amore.

    RispondiElimina
  6. utente anonimo9/1/08 14:41

    l'ho sempre detto io che la gradezza delle poppe è soggettiva! sono contenta di trovare finalmente un riscontro in rete! :)

    The Girl

    RispondiElimina
  7. utente anonimo9/1/08 14:41

    l'ho sempre detto io che la gradezza delle poppe è soggettiva! sono contenta di trovare finalmente un riscontro in rete! :)

    The Girl

    RispondiElimina
  8. @Ala:

    Questa l'ho beccata, ed è Elio.^^
    Ancora non riesco a credere che mi hai fregato su Luttazzi. :(

    RispondiElimina
  9. @Ala:

    Questa l'ho beccata, ed è Elio.^^
    Ancora non riesco a credere che mi hai fregato su Luttazzi. :(

    RispondiElimina
  10. utente anonimo9/1/08 21:26

    Questa era facile... ;-)
    Ma allora era veramente Luttazzi? Dovrò aggiungere il libro su Anobii una volta confermata la sua esistenza nella mia biblioteca in Ticino!
    Ala

    RispondiElimina
  11. utente anonimo9/1/08 21:26

    Questa era facile... ;-)
    Ma allora era veramente Luttazzi? Dovrò aggiungere il libro su Anobii una volta confermata la sua esistenza nella mia biblioteca in Ticino!
    Ala

    RispondiElimina
  12. Sì, ricordo la battuta ma non il libro.
    Cmq pre Satyricon.

    RispondiElimina
  13. Sì, ricordo la battuta ma non il libro.
    Cmq pre Satyricon.

    RispondiElimina