11/01/08

Vecchio Lascivo

Questo post potrebbe contenere spoiler.

Il romanzo che sto leggendo, Il teatro di Sabbath di Philip Roth, è un spettacolo contenutistico continuo (un po' meno a livello formale).

Sono circa a metà e ho già trovato chicche su chicche:
Il protagonista (che va per i 65) infatti esegue le seguenti azioni:

- Masturbarsi sulla tomba dell'amante morta.
- Farsi raccontare in dettaglio dall'amante cosa le hanno fatto gli altri amanti, ed eccitarsi di ciò.
- Farsi ospitare da un amico che non vedeva da vent'anni e farsi beccare a lubrificarsi l'uccello con la crema vaginale della giovane figlia dell'amico nella vasca da bagno, con in mano una foto della figlia.
- Una volta risolta la questione, recuperare crema vaginale e foto e continuare come se niente fosse successo.
- Il giorno dopo, rovistare nella camera della figlia dell'amico, dove dorme, in cerca di Polarois osé di lei, e seccarsi alquanto a non trovarle.

Potrei anche continuare, ma no.

La cosa davvero buffa di tutto questo è che Roth è uno degli scrittori viventi più osannati dalla critica e più premiati in assoluto.
Insomma, il delirio senile e perverso di un vecchio è considerata letteratura.

Vedo prospettive rosee per il mio modo di scrivere.

Nessun commento:

Posta un commento