14/06/08

Perché Manzoni è il male

Premessa doverosa.

A dispetto di quanto in molti si potessero aspettare, data la tendenza a parlare di defecatio (esisterà davvero questo termine in latino?) & derivati su questi lidi, non si tratta del Piero, bensì dell'Alessandro.

Altra premessa doverosa.

Non si parlerà neanche dei Promessi Sposi, benché il sottoscritto trovi il romanzo noioso quanto invece trovi interessante l'idea poetica che ne è alla base (e qui di ironia non ce n'è).

Circoscrizione dell'argomento.

A sottolineare l'importanza che, malgrado la pallosità dell'opera, i Promessi Sposi hanno avuto nella letteratura e nella cultura italiana ci sono parecchi modi di dire che ormai sono entrati nel gergo comune benché ai tempi della scrittura del romanzo fossero inauditi. Al momento non ricordo esempi concreti riconducibili al libro e non ho voglia di rileggermelo per la terza volta in meno di anno, quindi fidatevi. Una cosa simile era accaduta a Dante, tanto per farvi capire che l'Alessandro non è proprio l'ultimo pirla, se mai ce ne fosse bisogno.

Definizione del problema.

Fra questi modi di dire, dicevo, ce n'è purtroppo uno che si è fatto largo soprattutto fra gli scrittori e che sembra esploso parallelamente alla mania dei blog. Trattasi di una sorta di captatio benevolentiae appartenente a un gusto retorico vecchio di cent'anni e più, appunto, e volto ad accaparrarsi la simpatia del lettore facendo uno sfoggio di umiltà che oggigiorno a mia avviso trasuda ipocrisia e suona falso, datato e scontato.

Perché accade ciò?

Credo sia dovuto al fatto che, delle tante citazioni possibili dai Promessi Sposi, essa sia una delle poche che conosce solo chi ha letto il libro, e che è invece ignota a chi si è sfogliato il bignami. Ergo, usare questa citazione fa figo, perché dimostra che il mattone è stato letto e digerito, e che lo scrivente è un vero LETTORE.

Chi commette peccato?

Ahimé, ci cascano in tanti, comprese persone che normalmente stimo e i cui blog leggo con gaudio, uscendone generalmente arricchito. Però in questi casi avrei voglia di prenderli a sberloni.

In conclusione.

Cari i miei 25 lettori, non usate mai questo modo di dire arrogante.

Conclusione canonica.

Questo post sembra che non dica il modo di dire incriminato, ma invece lo fa. Bisogna però aver letto Manzoni per capire. Questo post chiede inoltre agli amici macchiatisi del fattaccio di fare outing e di presentare in triplice copia nei commenti le proprie scuse e/o le motivazioni di tale scelta che tanto urta lo scrivente.

6 commenti:

  1. utente anonimo14/6/08 21:57

    sarebbe "cari i miei 25 lettori" ? si vede che sono proprio un'ignorante :(

    camy

    RispondiElimina
  2. Federico probabilmente sta parlando con me (se non sto peccando di presunzione: visto come ho imaprato bene l'italiano aulico? ;-P), ma gli sfugge un particolare: i 23 lettori di Manzoni sono stati ripresi, con intento ironico, da tale Giovannino Guareschi (tantopiù che in suo onore è stato istituito un Club dei Ventitré che raccoglie tutto il materiale consociuto dello scrittore e umorista...).
    E quando parlo dei miei 23 lettori poi divetati 25 è per citare Giovannino, e non Manzoni.
    Che a te non piaccia è un altro paio di maniche. Ne prendo atto ma vado avanti come mi pare e piace!!! :D
    Semprecché il riferimento sia ai miei post, chiaro...
    Altrimenti mi scuso per il disturbo.

    (Manzoni... Ma chi se l'è mai filato? Ho persino scritto la parodia dei Promessi Sposi. Si intitola I futuri divorziati!)

    RispondiElimina
  3. Dimenticavo la cosa più importante: 25 è il numero effettivo e ufficiale dei miei lettori! Li ho contati...

    RispondiElimina
  4. Se è ripreso con intento ironico, ti chiamo fuori dagli infamoni e porgo le mie più umili scuse.^^

    E sì, mi riferivo a te, ma non solo. Sei stata solo l'ultima di una serie di blogger amici che ha usato questa formulazione negli ultimi tempi. È come se ci sia stato un boom.^^

    RispondiElimina
  5. E' ripreso con intento sicuramente ironico, ma gli errori di ortografia nella mia arringa difensiva sono serissimi...

    RispondiElimina
  6. :) questione dibiattuta quella dei promessi sposi!

    RispondiElimina