24/06/08

Turbe

Mi è particolarmente difficile essere turbato da ciò che leggo, specie se si tratta di narrativa, ma il romanzo di Welsh lo sto leggendo con un groppo costante allo stomaco. Il protagonista è troppo.
Cattivo. Misogino. Razzista. Bastardo. Poliziotto.

"Sono entrato in un cinema e ho pagato per un cabinotto hi-tech. Si è spenta la luce verde e si è accesa la rossa. Sto da dio. Il film non è malaccio, una storia di fantascienza con due lesbiche extraterrestri che rapiscono delle liceali vergini in una città americana: dalle scuole, dalle discoteche, dai centri commerciali e compagnia, e le trasformano in lesbiche constringendole a ripetuti atti sessuali. A lungo termine le astute lesbo aliene progettano di rendere superflui gli uomini e la Terra un pianeta lesbico, naturalmente dominato da loro. Un investigatore superdotato insieme alla sua squadra di atleti del sesso dovranno salvare le studentesse da una vita sditaloide riportandole su questa sponda con la potenza dei loro uccelli. Alla fine, dopo aver fatto tornare etero le ragazze a colpi di cazzo, il megapoliziotto ha di fronte la sfida più epica: uno scontro decisivo con le lesbo, che sono dotate di superpoteri. Deve portare anche loro su questa sponda. Ma c'è il lieto fine per tutti. Le lesbo dello spazio scoprono di amare il randellone, ma lo sbirro riconosce che il lesbismo arrapa i maschi, basta che le donne son carine e li lasciano guardare. Perciò decidono di unire le forze e sterminare tutti i maschi omo.
Bella storia, niente da dire, e fa anche piacere vedere un film così politicamente corretto. Le studentesse sono tutte in calore e le lesbo aliene, cazzo, delle fighe che non finiscono più. Mi vien la tentazione di una sega, ma devo tenere pieno il serbatoio per un puttanaggio serio."

Irvine Welsh, Il Lercio, TEA, 2006.


Che ci crediate o meno, questo è uno dei pochi attimi nel romanzo a cui il lettore sia concesso tirare il fiato; un attimo non pesantemente mediato dall'asfissiante visione del mondo del protagonista.


2 commenti:

  1. Apprezzo molto i contenuti di questo sito!

    Se ami la letteratura: operaomnia.interfree.it

    Sono ben accette richieste di scambio link: se sei interessato scrivi a: ilvignettificio(AT)interfree.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il sito è ora accessibile all'indirizzo:

      http://www.letteraturaoperaomnia.org

      Elimina