17/06/08

Una pallottola di carta

"Con tale certezza, io preferisco mantenere intatatta la preziosa sorpresa chiusa nell'involucro, tenerla in serbo per un vago futuro. E come nella vita l'attesa di un bene certo ci dà più gioia che il raggiungerlo (ed è saggio non approfittarne subito, ma conviene assaporare quella meravigliosa specie di desiderio che è il desiderio sicuro di essere appagato ma non ancora praticamente soddisfatto, l'attesa insomma che non ha più timori e dubbi e rappresenta probabilmente l'unica forma di felicità concessa all'uomo), come la primavera, che è una promessa, rallegra gli uomini più dell'estate che ne é il compimento sospirato, così il pregustare con la fantasia lo splendore del poema ignoto, equivale, anzi supera il godimento artistico della diretta e profonda conoscenza."

Dino Buzzati, Una pallottola di carta, in Sessanta racconti, Mondadori, 1994.

Nessun commento:

Posta un commento