02/11/08

Teatro

"IL PADRE (con dignità, ma senza alterigia)      Un personaggio, signore, può sempre domandare a un uomo chi è. Perché un personaggio ha veramente una vita sua, segnata di caratteri suoi, per cui è sempre 'qualcuno'. mentre un uomo [...] può non essere 'nessuno'."

Luigi Pirandello, Sei personaggi in cerca d'autore, Einaudi, 1993.


Quando si dicono le coincidenze. Oggi leggo Pirandello e guardo una puntata di South Park in cui si tratta lo stesso tema ivi riportato. Più precisamente, in South Park uno dei ragazzi fa notare come alcuni personaggi di fantasia siano ben più importanti al mondo che molte persone reali. Ecco la citazione originale:

"General: If I'm not mistaken, you're the one who bet leprechauns aren't real. So why do you care if something happens?
Kyle
: Because I--Because I think they are real. It's all real. Think about it. Haven't Luke Skywalker and Santa Claus affected your lives more than most real people in this room? I mean, whether Jesus is real or not, he's had a bigger impact on the world than any of us have. And the same can be said for Bugs Bunny and Superman and Harry Potter. They've changed my life, changed the way I act on the earth. Doesn't that make them kind of real? They might be imaginary, but they're more important than most of us here. And they're all gonna be around till long after we're dead. So in a way, those things are more realer than any of us."

È un paradosso affascinante. Una manna per nichilisti. Una disgrazia per narcisisti.

Io sono meno importante di Winnie the Pooh. Di Pikachu.
Dei Teletubbies.

Ma che cazzo.

In questo post, paradossalmente, affermazioni sulla realtà vengono postulate da caratteri immaginari (crederete mica che l'io di questo blog sia io in persona?).


7 commenti:

  1. utente anonimo4/11/08 01:02

    nella tua sfera personale, in un uno contro uno, sei più reale dei teletubbies perchè non hanno influenzato in nessun modo la tua vita.
    uhm.. Potrebbero però influenzare la vita dei tuoi figli, magari non direttamente ma con dei personaggi da loro discendenti. E questo verrebbe, a questo punto, a influenzare la tua vita...

    grr a morte i teletubbies!! d'altronde se sono reali si possono uccidere (o cancellare o quant'altro) giusto?

    (ghigno satanico)

    The Girl

    RispondiElimina
  2. Invece i Teletubi hanno influenzato la mia vita. Non certo in meglio. Il solo fatto di parlarne dimostra che in un modo o nell'altro mi abbiano toccato.

    RispondiElimina
  3. utente anonimo6/11/08 11:42

    Non sono convinta che tutto ciò di cui conosco l'esistenza mi influenzi per forza.
    Ne hai mai visto una puntata completa? Io solo dei pezzettini minuscoli.

    The Girl

    RispondiElimina
  4. --Quote--
    StFede: "Quando si dicono le coincidenze"
    --Quote--

    Mica piccola la coincidenza per me oggi! Solitamente non scartabello tra i post d'ultima pubblicazione. Oggi l'ho fatto, mi imbatto nel tuo, l'ultimo. E di cosa parla? Del paradosso su cui mi scervello quotidianamente, argomento tra l'altro della mia tesi di laurea il cui indice ho finalmente completato oggi! Che coincidenza eh? ;)

    Io rispondo da nichilistanarcisista: l'io di questo tuo blog non potrebbe mai essere il tuo io in persona "di carne e sangue", altrimenti sarebbe qualcun'altro/qualcos'altro! :) Grazie per gli spunti di riflessione, alla prossima!

    RispondiElimina
  5. Innanzitutto auguri per la tesi!

    Poi, tanto per aumentare l'entropia, tu mi commenti qui proprio quando riporto che in Australia non sanno manco distinguere fra personaggio finto e persona reale.

    Altra coincidenza? Comincia a essere inquietante la cosa.^^

    RispondiElimina
  6. Vuoi un'altra coincidenza? Io potrei essere il tuo alter ego femminile, almeno in quanto a nome (I'm a StFede too!). Oh, che pretendi dagli australiani? Del resto non sono né carne né pesce (né Americani idioti né Europei conservatori). MIca possono arrivare a cotanta sottigliezza di speculazioni filosofiche! ;)

    RispondiElimina
  7. Invero inquietanto O-o
    :)

    RispondiElimina