07/11/09

Invettiva contro la lingua italiana

La lingua italiano è una puttana masochista: permette che gli sia fatto di tutto. E i parti sono insostenibili.

Apri il giornale. Trovi il fuoco amico. Che è uno stronzo.
Perché non solo uccide, ma legittima l'uccisione e depenalizza l'uccisore. Tu leggi di vittime di fuoco amico e pensi vabbé, sfiga. No, cazzo, no. Il fuoco amico non è un'attenuante generica. Non esiste un fuoco amico. È solo una merda di ossimoro.
La sera in tv trovi parenti in lacrime, che lo vedi che sono ancora in shock, che si trovano trovano dei microfoni sotto il naso da chissà dove e i faretti delle telecamere sparati in faccia. E piangono i parenti, eccome. Perché fanno crash e le lacrime non le tengono più. Perché a un livello inconscio lo sanno che stanno piangendo per milioni di spettatori che stanno per dar loro il proprio dolore. E lo spettatore si commuove, poi sente del fuoco amico e un po' gli pare di essersi commosso per nulla: è poi fuoco amico, mica omicidio stupro tortura.
Che poi non è vero niente. Chi va a intervistare i parenti delle vittime di fuoco amico? Niente sciacalli per loro. Ti immagini un'invettiva in diretta contro i militari? Non sia mai.

Poi ci sono i migranti. Non c'erano, fino a qualche anno fa.
Prima c'erano gli emigrati. I profughi. Gente in fuga da una situazione disperata alla ricerca di una nuova terra dove rifarsi una vita.
I migranti invece non si sa da dove vengano, né si sa dove andranno. Sono qui, ma perché? Chissenefrega, basta che se ne vadano. E faranno meglio a sbrigarsi. Sono di passaggio, non metteranno radici.
Bizzarro, che a vederli sembrino ai profughi. A proposito, loro che fine hanno fatto?

Poi, ciliegina, c'è l'ipocrisia. Il doppio standard. Il fatto che questi termini non facciano levare manco un sopracciglio, nonostante la connotazione razzista fascista e il danno che arrecano alle vittime.
Non ci credi? Prova a bestemmiare in un tg. Non si parlerebbe d'altro per una settimana.
Bella una società in cui è più grave inveire contro dio (oddio, che poi la bestemmia al giorno d'oggi è un'espressione fossilizzata che significa "sono parecchio incazzato" e che con dio ha ben poco a che fare) che mancare di rispetto a chi soffre davvero.

3 commenti:

  1. impeccabile
    e si che la parola la inventarono i "movimenti", un 9-10 anni fa
    di buone intenzioni é lastricata la strada quella lá

    RispondiElimina
  2.  bello bello. Condivido pienamente, soprattutto l'ostentata dichiarazione di fede nel significato delle parole. Scovare i dettagli, le differenze. Bravo.

    RispondiElimina
  3. Grazie.
    Felice di sapere che non sono il solo a essere infastidito da certe cose, triviali solo all'apparenza.

    RispondiElimina