21/03/12

Meanwhile, in Ireland..._

Splendido articolo (ma potrei essere vagamente biased al riguardo) scritto da Jim Culleton (e apparso sull'Irish Time online), direttore artistico di Fishamble e dei Tiny Play For Ireland, rassegna di brevi opere teatrali fra cui il mio Weekend Abroad. Culleton descrive il processo di selezione delle 50 fra le 1'700 opere pervenute, spiegandone i criteri e rivelando alcune trame (non la mia, though):

The 39 plays we selected depict events that include a woman singing to her husband as they dance on a carpet of unpaid bills; two old friends milking cows by hand during a power cut; a whole lifetime condensed into four minutes; a mother and her teenage son arguing over a sexist billboard at a Dart station; an outrageous sexual encounter between two financial asset managers; a man discovering naked photographs of his mother when clearing out the attic; and a teenager waiting on a platform for a train to arrive as he contemplates taking his life.

Sembra fichissimo. Spero non siano tutte durante la produzione di Marzo, a cui non potrò andare, bensì in quella prevista per l'anno prossimo o giù di lì in cui c'è anche la mia.
Culleton spiega anche come hanno organizzato il palco in modo da permettere di mettere in scena 25 differenti opere teatrali in novanta minuti.

The production will be staged in the round, so the theatre resembles a mini sports arena or political forum. The set, designed by Sabine Dargent, resembles two paths intersecting, to create a sense of plays happening “at the crossroads”. Although the audience will watch 25 plays in 90 minutes, we are keen to avoid 24 scene changes, so the set allows plays to exist in their own right while enabling the overall production to be fluid. Plays that involve characters walking on a journey should work well, and the set is flexible and abstract enough to facilitate the more surreal plays while allowing more realistic pieces to happen with minimal props or set pieces.

Ingegnoso.

La cosa più seccante di quest'esperienza è non poterla sfruttare appieno a causa di problemi logistici (Dublino non è esattamente nelle mie zone). Penso che a ora ho già perso almeno tre incontri interessantissimi (giro del teatro, prima lettura delle opere, prima prova in costume), e tanti altri ne perderò. Anche il non poter conoscere gli altri playwrights è seccante. Addio, networking. Ma tant'è, si aspetta pazienti l'anno a venire.

Nessun commento:

Posta un commento