26/10/12

Wikiracconto XXII: Biografia spiccia di Jo(h)n Snow._

[Per sapere il perché e il percome dei Wikiracconti clicca qui]

RISULTATI: Diagramma di Voronoi, Gomito, Sabadone, Il giudice e il suo boia, Nissan Micra.

BIOGRAFIA SPICCIA DI JO(H)N SNOW

NB: Quanto segue contiene piccoli spoiler per i fan di Game of Thrones e per gli studenti di medicina storica.  

John Snow è nato a York nel 1813, figlio bastardo di Eddard Stark Protettore del Nord e di Frances, plebea inglese. Pochi mesi dopo la nascita, il padre lo porta con sé nel continente di Westeros e gli cambia il nome in Jon secondo l'usanza locale, per grande gioia di Lady Catelyn. Fino ai 14 anni è istruito da Maestro Lusum in cultura generale, dopodiché si specializzerà, sempre sotto Lusum, nelle arti chirurgiche. In occasione della visita del re Robert Baratheon a Grande Inverno ha l'occasione di occuparsi di un'epidemia di colera che ha colpito il codazzo reale, entrando in contatto per la prima volta con questa malattia.
Lo zio acquisito di Jon, Benjen Stark conosce bene maestro Aemon alla Barriera e, nella convinzione che il figlio di Eddard potrà imparare di più da lui che non da maestro Lusum, convince Eddard a far prendere il nero al figlio. Jon accetta, preferendo una vita di studi a una vita di sesso.

Jon si mostra studente brillante, diventa vegetariano (cosa poco saggia alla Barriera, dove le difficoltà a reperire frutta e verdura erano soverchie), e presto comincia a inventare nuovi strumenti medici, in particolare un robo che aiutava i neonati a respirare. In seguito a ciò acquisisce fama e partecipa a una serie di conferenze oltre la Barriera, tra i bruti, per presentare le sue scoperte. Snow, che si è innamorato di una donna dei bruti, tale Ygritte, riesce anche a conferire con il Re oltre alla Barriera e gli strumenti di sua invenzione permettono di salvare il suo primogenito alla nascita. La moglie di Mance Ryder, però, muore di parto e Jon Snow viene per questo incolpato, cosa che lo costringe a fuggire precipitosamente verso la barriera, con l'intiera schiera di bruti alla calcagna.
Non che inseguissero lui in particolare. Coincidentalmente volevano assaltare la Barriera per alcune mutate condizioni nel loro habitat. Tornato sano e salvo fra i Guardiani in Nero, Snow ha il tempo di sperimentare e perfezionare l'anestesia con etere e cloroformio durante le operazioni prima dell'arrivo dei bruti, testando i livelli su se stesso mentre veniva curato dalle ferite rimediate nella rocambolesca fuga dai bruti.
Non avesse passato gran parte del mese trascorso fra il suo ritorno e l'inizio dell'arrivo dei bruti anestetizzato (gli ci è voluto un po' per trovare i livelli giusti...) avrebbe potuto salvare migliaia di vite, grazie all'intuizione che lo ha reso famoso a posteriori. Snow, infatti, aveva intuito che lo spostamento di massa dei bruti era dovuto a un'epidemia di colera (che li trasformava in zombie degli Estranei, fatto scientifico curioso) causata dall'inquinamento del lago da cui si dissetavano, come aveva brillantemente dimostrato ricorrendo al diagramma di Voronoi.
Purtroppo la sua proposta last minute è caduta nel vuoto, forse perché nessuno dei duri guerrieri alla Barriera capiva cosa cavolo fosse un diagramma di Voronoi. Pertanto, come tutti sappiamo, le truppe di quarantena comandate da Stannis Baratheon non furono utilizzate, come proponeva Snow, per bonificare le acque dei bruti e per educarli a lavarsi le mani molto frequentemente; bensì per sterminarli tutti quanti in modo che la malattia non si diffondesse all'intiero continente di Westeros.
Peccato.

TEMPO: 28._

Nessun commento:

Posta un commento